Antonìn Piò

Dda Wikipedia.
Vaje a: navigazione, truova
Nuvola filesystems trashcan full.png Pe' faore scancellate 'sta rrobba

Please delete / Löschen sie bitte / Cancellate prego / Supprimez s'il vous plaît / Borrade por favor / Пожалуйста, удалите
Mutivo: Traduzione automatica senza scrupolo.

Exquisite-kwrite.png

Chist'articulo nun è stato traduciuto cumpretamente. Si tenite genio, 'o putisseve fà pure vuje. Grazzie assaje! ... Ma nunn'ausate metode tipo Babelfish.

Antoninus Pius Glyptothek Munich 337.jpg

Titò Aureliò Fulvò Boioniò Arriò Antonìn Pio (in latinò: Titùs Aureliùs Fulvùs Boioniùs Arriùs Antoninùs Piùs; Lanuviò, 19 settèmbr 86 – Loriùm, 7 marzò 161) è statò nu' imperatòr romanò dal 138 o' 161.

Biografia[càgna | càgna surgente]

Antonìn Pio vissè in nu' mument cruciàl ra' storià e' Romà: lapogeò dellimpèr o o' secolò dorò. e' imperatòr ca' regnaròn durànt chistu secolò, prendòn o' nomè propeto ra questuòm e limportànz ro' periòd sta into fattò chè, si e' immèns risòrs e' cui disponevàn e' cassè imperialì, fossèr statè spesè ppe miglioràr e' mezzì produttìv (investimènt nellò svilùpp e int'a' ricèrc riguàrd a' campì dellagricolturà, dellallevamentò, dellestraziòn minerarià ècc.) probabilmènt limpèr fusse statò in gradò e' fa' chillu saltò e' qualìtà ra uneconomià anticà ad na' protoindustrialè, cosà ca' fusse statà impossibìl int'e' secolì precedènt e successivì. ppe riuscìrc ci vòrrà o' crollò dellimpèr e o' Medioevò. Antonìn Pio règnò propeto a mètà e' chistu secolò dorò (138 - 161) ed è principalmènt ppe chistu motivò ca' a' sua figurà nun può esserè ridottà, comm troppò spessò succedè, a frasì semplicistìch comm "limperatòr cchiu' Origini">pacifico".

Origìn familiàr e giovèntù[càgna | càgna surgente]

Er natò o' 19 settèmbr dèll86, a Lanuviò (Lanuviùm) into Laziò, ma na' partè ra' sua famiglià era originarià e' Nîmès (Nemausùs). Famiglià illùstr aropp' tuttò: nu' nonnò (Titò Aureliò Fulvò) praefectùs urbì e consòl duje voltè, làltr (Arriò Antoninò) proconsòl dAsià e anchègl consòl duje voltè. Famiglià pure riccà: cu fabbrìch e' mattòn int'a' regiòn romanà e vastè propriètà in Italià, Antonìn è nu' dei cchiu' ricchì senatòr ra' mètà ro' secolò, na' ricchèzz ca' nu' matrimoniò rìnforzò pure e' cchiu' (còn Annià Galerià Faustinà, Faustìn Maggiorè, figlià e' Marcò Antoniò Vero).

Antonìn trascòrs e' annì ra' giovinèzz a Loriùm (frà a' Bottaccià e Castèl Guidò, a circà 12 miglià ra Romà) e, aropp' a' mortè ro' padrè, e' duje nonnì provvidèr a' sua educazionè, in particolàr chello maternò, ca' era cumpagn e' Pliniò o' giovanè. assaie si ignorà ro' suo cursùs honorùm primà e' esserè imperatorè, salvò o' suo consolàt into 120 (precedùt dal ricoprimènt re' carìch e' questòr into 111 e e' pretòr into 116), a' sua nominà tra e' quàttr consolàr dItalià, o' suo proconsolàt dAsià (133 - 136) e a' sua partecipaziòn o' Consigliò imperialè.

Ascesà e adozionè[càgna | càgna surgente]

Gl ultimì annì e' Adriàn furonò angustiàt ra na' doloròs malattià e dal problèm ra' successionè. Dionè ripòrt lepisodiò, nun necessariamènt verò, e' na' conversaziòn o' tavolò ra pranzò in cui si fecerò e' nomì e' diecì possibìl successòr (Cassiò Dionè Cocceianò, LXIX, 17), tra e' qualì pare ca' Adriàn avessè sceltò Luciò Giuliò Ursò Servianò. Serviàn avevà cchiu' e' novantannì, ma avevà sposàt a' sorèll e' Adrianò, e o' lorò nipotè, Gneò Pedaniò Fuscò Salinatorè, allorà diciottennè, era lunìc parènt e' sanguè e' Adrianò. Ma nun cè nessùn provà ca' Adriàn abbià consideràt e' farlò suo eredè, e Serviàn era chiaramènt troppò vecchiò. chillu ca' accàdd poì, verà congiùr o no, nun putimme dirlò, ma sia Serviàn ca' Fuscò vennèr uccisì in circostànz ca' a moltì senatòr ricordaròn laffàr dei quàttr ex consolàr alliniziò ro' regnò. Adriàn àdottò allorà nu' dei consòl ppe o' 136, Luciò Ceioniò Commodò, ca' presè o' nomè e' Luciò Eliò Cesare.

Ancòr na' voltà, nun sappiàm ca' cosà in particolàr o' raccomandàss ad Adrianò. In ognì casò, eglì mòrì primà dellimperatorè, nellultìm notta ro' 137, e a' sceltà e' Adriàn caddè mo' su Titò Aureliò Fulviò Boioniò Arriò Antoninò, ca' a sua vota àdottò o' giovàn figlie e' Luciò Eliò Cesarè (chè divènn Luciò Aureliò Commodò) ed o' nipotè e' sua mogliè (chè fusse statò notò comm Marcò Aureliò Verò, o' futurò imperatòr Marcò Aureliò, a chillu tiemp diciassettennè, e' cui qualìtà pareno avèr attiràt lattenziòn e' Adrianò). È in effètt possibìl ca' o' motivò ppe cui eglì avevà sceltò Antonìn tra e' altrì candidàt senatòr fossè precisamènt a' sua parentèl cu Marcò Aureliò, ca' forsè Adriàn già vedevà comm suo definitìv successore.

O'Regno[càgna | càgna surgente]

O'vallo e'adriano e o'valle e Antonin

Antonìn fu adottàt ra Adriàn o' 25 febbraiò 138, ricevènd a' potèstà tribunizià e limperiùm; comm daccòrd àdottò a sua vota Marcò Aureliò e Luciò Verò. Rèstò lunìc imperatòr a' mortè e' Adrianò, avvenùt o' 10 lugliò dellò stessò annò. nu' dei primì attì ufficiàl e' govèrn (actà) fu a' divinizzaziòn ro' suo predecessorè, a' qualè si opposè fieramènt tuttò o' senatò, ca' nun avevà dimenticàt ca' Adriàn avevà diminuìt lautorìtà dellassembleà e ne avevà mandàt a mortè alcunì membrì. All finè si giunsè ad nu' compromessò: o' senatò nun si fusse oppòst a' divinizzaziòn ro' defùnt imperatòr ma Antonìn avrèbb abolìt lorgàn e' govèrn dellItalià formàt dai quàttr giudìc circoscrizionalì. ppe avèr cercàt nu' accòrd cu o' senatò (limperatòr si volevà potevà mettèr a tacerè e' polemìch a ffa' intervenìr e' soldatì) Antonìn ricevètt linusuàl titolò e' Piò. Adeguandòs e' usanzè Antonìn rifiùtò o' titolò e' pate ra' patrià (patèr patriaè), ma poi finì cu laccettàrl into 139 insièm cu nu' sicond consolatò, seguìt ra nu' terzò e ra nu' quartò (120 o' primò, 139 e 140 o' sicond e o' terzò, 145 o' quarto).

Morte[càgna | càgna surgente]

Antonìn Pio mòrì serenamènt o' 7 marzò 161 a Loriùm, aropp' tre iuorni e' febbrè. Eglì lascìò limpèr apparentemènt allapìc ra' sicurèzz e prosperìtà, maturò ppe a' sua cadutà. Era "lestàt e' San Martìn deglì Antoninì", o' periòd in cui ppe o' Gibbòn "la condiziòn ro' generè umanò fu a' cchiu' felicè e a' cchiu' prosperà". o' regnò successìv dovevà rivelàr e' tensiòn e e' debolezzè, dovevà mostràr fin aro' chistu felicè statò e' cosè (felìc soprattuttò, sia concèss ricordarlò, ppe e' classì superiorì, ppe e' honestiorès, e' possidentì) dipendèv ra' pacè lungà e ininterrottà. È comunquè appropriàt ca' Antonìn avrèbb avutò o' cchiu' cheto lettò e' mortè rispètt a qualunquè imperatòr finò a chillu momentò.

Gl succedettè, sicond o' progètt ra lungò maturò, Marcò Aureliò, o' qualè avevà sposàt a' figlià e' Antoninò, Faustìn Minorè, ca' e' avevà datò na' numeròs figliolanzà, e Luciò Verò, pure si alcunì storìc sostengòn ca' nun esistà alcunà provà ra' volòntà e' Antonìn ca' Marcò dividèss o' poterè imperiàl cu o' fratèll adottivò, si ritièn ca' o' fattò ca' Antonìn abbià seguìt tuttè e' indicaziòn datègl dal suo predecessòr (trà cui chella e' adottàr Luciò Verò) sia già e' ppe sé na' provà ra' decisiòn e' lasciàr limpèr a' duje fratellì. È bbene ricordarè, ppe concludèr cu nu' bellaneddotò, ra' dubbià veridicìtà storicà, ca' Antonìn Pio morènd pronuncìò o' mottò aequanimitàs ("imparzialìtà") comm regolà ra seguìr ppe e' duje nuovì imperatorì, nnanze a' duje figlì adottìv in lacrimè, poi si volsè into lettò dallàltr partè, comm ppe dormirè, e mòrì.