Innò o' re

Dda Wikipedia.
Vaje a: navigazione, truova

Inno o' re è l"inno nazzionale d''o Regno d''e Ddoje Sicilie, scritto da Giovanni Paisiello dint'ô 1816.

O' nomme ripurtato dint'ô testo, cagnàva ogne vota ca venva incoronato nu novo suvrano. Chesta ripurtata è 'a primma versiòne 'e ll"inno, addò "Fernando" fa' riferimiento ô regno 'e Ferdinando d''e ddoje Sicilie. A secunna strofa fa' intende ca l'inno deve essere stato cumposto primma d''a formazzione d''o Regno d''e Ddoje Sicilie (1816), quanno e' ddoje regne (serbi al duplice trono) erano separate dint'ô Regno 'e Napule e Regno 'e Sicilia.

Testo[càgna | càgna surgente]

Iddio preservi il Re
per lunga e lunga età
come nel cor ci sta
viva Fernando il Re!
Iddio lo serbi al duplice
trono dei Padri suoi
Iddio lo serbi a noi!
viva Fernando il Re!

Ritornati dal passato[càgna | càgna surgente]

Riccardo Pagliuzza haje criato na versione modificata usata comme inno nazzionale d''o muvimiento indipendentiste duosiciliano. Chista vversione è stata cantata da Eddy Napoli e se chiamma Ritornati dal passato.

Testo[càgna | càgna surgente]

Dio ti salvi, cara patria
che ti distendi in questo antico mare d'eroi,
millenaria culla del pensiero
che nacque in Grecia
e in questa terra rifiorí.
Cancellata dalla Storia,
le tue bandiere vengono rialzate da noi.
Sulle sacre torri di Gaeta
scriviamo ancora la parola: Dignità.
Soldato del Volturno
che cadesti qui,
nessuno per cent'anni
il nome tuo scolpí.
Dai figli che visti non hai
l'onore tu riavrai.
Ritornati dal passato,
chi in noi crederà stavolta vincerà.
Va avanti, tamburino
suona come allor:
assente la fortuna
non mancò il valor.
Il Fato che un dí ci tradí
adesso ci riuní.
Ritornati dal passato,
chi in noi crederà
stavolta vincerà.