Io te vurria vasà

Dda Wikipedia.
Vaje a: navigazione, truova

I' te vurria vasà è na canzone napulitana fatta int’o 1900, cunnusciuta pe’ tutt’o munno p’essere una d’è pilastre d’a canzone napulitana.

Storia[càgna | càgna surgente]

‘A canzone fuje scritta ‘a causa ‘e l’ammore ‘nfelice d’o poeta Vincenzo Russo p’Enrichetta Marchese. ‘A guagliona, ca pure ‘o vuleva bbene, era figlia ‘e nu gioielliere chin’e denare, e ‘a famiglia soja faceva ‘o diavolo contr’a Russo, che era povero. ‘E parole, scritte d’o poeta int’all’urdime juorne d’o 1899, fujeno musicate dint’a vintiquatt’ore da Eduardo Di Capua, ‘o famoso autore d’‘O sole mio, tra ‘o 1 e ‘o 2 ‘e gennaio d’o 1900. Se dice ca ‘o foglio cu ‘e parole fuje miso da Russo dint’a sacca ‘e Di Capua mentre steveno ascenno d’o tiatro Salone Margherita, ‘ndo ce steva nu spettaculo d’Armando Gill.

‘A canzone fuje presentata ‘o cuncorso "La tavola rotonda", ma nun ghiette subito bbona. Arrivaje seconda ‘nzieme cu aute canzone, e duje autore ‘nce facetteno duje sorde, e Russo se n’accattaje medicine. Cchiù appriesso, ‘a canzone fuje cunusciuta e avette grandissimo successo, e fuje cantata ‘a cantante famosi assaje, comme Mario Abbate, Sergio Bruni, Massimo Ranieri, Peppino di Capri, Gigi Finizio, Giacomo Rondinella, Tito Schipa, Lina Sastri, Roberto Murolo, Renzo Arbore, Giorgia, Claudio Villa, Giuseppe Di Stefano, Mina, Franco Corelli, Mango, Neil Sedaka. Comm’e succieso p’autre canzone napulitane, “I’ te vurria vasà” è asciuta fora d’a canzone napulitana, e è stata cantata pure da tenori comme Enrico Caruso, José Carreras, Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli.

Parole[càgna | càgna surgente]

‘E parole d’a canzone, chiene ‘e delicatezza, parlano ‘e nu mumento e ‘ntimità ‘e duje ‘nnammurate. ‘A scena succede dint’a nu ciardino che prufumma 'e malvarosa, primma c’aesce ‘o sole, cu nu poco ‘e viento. ‘O poeta sta scetato e guarda a femmena soja, e fa ‘o pare e spare si ‘nce dà nu vaso p’a scetà, o lasciarla stà. ‘Mprigiunato int’a stu mumento, ‘o poeta è sulo cu ‘e pensiere suoje, e se chiede si ‘a femmena soja ‘o sonna o no. ‘Ngelusito e chino d’ammore int’o stesso mumento, rimane scetato senza putè piglià suonno.

Collabora a Wikiquote (NAP)
« 

Ah! Che bell'aria fresca...
Ch'addore 'e malvarosa...
E tu durmenno staje,
'ncopp'a sti ffronne 'e rosa!
'O sole, a poco a poco,
pe' stu ciardino sponta...
'o viento passa e vasa
stu ricciulillo 'nfronte!

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Tu duorme oje Rosa mia...
e duorme a suonno chino,
mentr'io guardo, 'ncantato,
stu musso curallino...
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, 'into core,
mille male penziere!

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...

Sento stu core tujo
ca sbatte comm'a ll'onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne...
'A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?...Dimméllo!
O pure suonne a n'ato?

I' te vurría vasá...
I' te vurría vasá...
ma 'o core nun mmo ddice
'e te scetá...
'e te scetá!...
I' mme vurría addurmí...
I' mme vurría addurmí...
vicino ô sciato tujo,
n'ora pur'i'...
n'ora pur'i'!...
 »
Collabora a Wikiquote (NAP)
« 

Ah! Che bell'aria fresca...
Che profumo di malvarosa...
E tu stai dormendo
Su queste foglie di rosa
Il sole a poco a poco,
spunta su questo giardino...
il vento passa e bacia
questo riccioletto sulla tua fronte!

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io

Tu dormi oh Rosa mia
e dormi profondamente
mentre io guardo incantato
queste labbra di corallo
e queste carni fresche
e queste trecce nere
mi mettono nel cuore
mille cattivi pensieri

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io

Sento questo tuo cuore
che sbatte come le onde
mentre dormi, angelo mio
chi sa chi stai sognando
la gelosia tormenta
questo mio cuore malato
Sogni di me? Dimmelo!
Oppure sogni di un altro?

Io vorrei baciarti
Io vorrei baciarti
Ma non mi regge il cuore
di svegliarti
di svegliarti
Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
un'ora anch'io
un'ora anch'io
 »

Bibliografia[càgna | càgna surgente]

Vittorio Paliotti (2007) Storia della canzone napoletana. Editore Newton Compton.

Collegamenti esterni[càgna | càgna surgente]