Mammola

Dda Wikipedia.
Vaje a: navigazione, truova
Exquisite-kwrite.png

Chist'articulo è scritto 'n calavrese centro-merediunale (lengua siciliana: ISO 639-3 scn). Si tenite genio, 'o putisseve traducere 'n lengua napulitana. Grazzie assaje!


Mammola
Mammola-Stemma.png
Nomme ufficiale: Mammola
Stato Flag of Italy.svg Italia
Reggione: Calavrea
Pruvincia: Reggio Calabbria
Estenzione: 80 km²
Pupulazzione: 3.226 (ottovre 2006)
Denzità: 40,3 ab./km²
'E riune:
Commune vicini: Agnana Calabra, Canolo, Cinquefrondi, Galatro, Giffone, Grotteria, San Giorgio Morgeto, Siderno
Coordinate giugrafiche:

38°22′0″N 16°14′0″E

Sinnaco: {{{sinnaco}}}
Codice pustale: 89045
Prefisso pe
ttelefuna':
0964
Santo prutettore: San Nicodemo
Festa d'o patrono: 'a prima dominica di settembre, u 12 marzu, e a Dominica doppu u 12 Maggiu a u Santuario di Santu Nicotemu a la Limina.
Localizzazione
Mammola
Mammola
Sito: Comune di Mammola

Mammola è nu comune 'e 3381 crestiane da pruvincia 'e Reggio Calabbria.

U paisi si trova c'à a zona du Mari Joniu, ammucciatu di li collini, tra u mari e a muntagna e tra li muntagni di l'Aspromonti e di li Serri. L'origini di u paisi sunnu di li tempi antichi di la Magna Grecia, di lu IV – V Seculi avati Cristu, quandu si chiamava Malea ed'era na colonnia di l'anticu Locri. Navota era unu di paisi chjù mportanti da Calabria. Esti u terzu paisi chjù grandi p'estenzione da Provincia. E' nu paisi d'arti di turismu e di mangiari bonu, esti riccu di storia e di tradizioni antichi. Tutti li jorni arrivanu turisti pemmu visitannu lu centru storicu, cu li belli Chiesi, li Palazzi di li Gnuri, li vineji, li piazzetti, ecc. Poi vannu mu visitannu lu Museo di Santa Barbara, di l'artista Nik Spatari. Vanno mu vidinu puru lu Santuariu di Santu Nicotemu a la Limina, a undi lu Santu passau a vita sua, a lu Santuariu abita nu Monacu. Dopu si fermanu mu mangianu cà li ristoranti nu bellu piatto di "Stoccu", chi veni cucinatu di tanti modi, lu "Stoccu" esti u piattu tipicu di Mammola e da Calabbria. Attri cosi boni di mangiari sunnu: pasta di manu, pani pizzata, ricotta salata, formaggiu crapinu, melangiani chjni, fungi, supprezzati, sarzizzi, capicojiu e tanti attri cosi. Mammola veni chiamatu cà Calabbria "u paisi d'u Stoccu". Mammola esti centru visita e porta d'accessu du Parcu Nazionali di l'Aspromonti.

'U dialetto Mammolese[càgna | càgna surgente]

'U dialettu Mammolese o Mammulisi è nu dialettu troppu importanti dà Calabria, fruttu di tanti populi chi abitaru cà stu paisi, fu studiatu e si studia ancora da tanti perzuni di cultura, di li scoli elementari, medi, superiori e di l'Università, pecchi esti troppo interessanti.

U primu vocabolariu Mammolese-Italiano (Tip. Siclari, Reggio Cal. 1862) u scriviu u Medicu Francesco Muià (1821-1881) di Mammula (Mammola), e fudi u primu vocabolariu da Calabria scritti in'dialettu. Dopu s'interessau Gerhard Rohlfs "u tedescu" a cussi u chiamavanu a Mammula, e si dicia ca scrivia libbri, e volia puru mu scrivi nu vocabolariu e venia tanti e tanti voti a Mammula mu parla cu li perzuni anziani pemmu senti la pronunzia di li paroli e di li canzuni di navota e li scrivia ccà nu quadernu. Volia puru mu sapi li nomi di tutti l' arburi e l'erbi chi si trovavanu ccà lu territoriu di Mammula. Venia sempri pemmu trova a la casa o a la Chiesa lu Previti Zavaglia (Don Vincenzo Zavaglia Storico-Scrittore), chi scriviu tanti libbri di Mammula, "u tedescu" tanti voti dormia a lu Santuariu di Santu Nicotemu a la Limina. Scriviu tanti libbri e puru u vocabolariu Calabrese-Italiano (Nuovo Dizionario Dialettale della Calabria, Ed. Longo, Ravenna 1977), a undi ripota tanti paroli d'u dialettu Mammulisi.

Ma a persuna importati di 'u dialettu Mammulisi fudi u poeta Remo Gargiulo (1938-2003), fu pè tantu tempu ingiru pè l'Italia pemmu lavura, facia lu Direttori, però ogni vota chi ndavia pochi jorna di vacanzi venia subitu a Mammula mu si vidi cu tutti l'amici e li parenti. Fu u veru poeta di a lingua Mammulisi e Calabrisi. U poeta "Remu" era 'nnamuratu di u paisi soi, di a lingua mammulisi e di tuttu lu populu di Mammula, quando moriu non ci fu perzuna chi 'nna fu presenti. Scriviu tanti libri in'dialettu mammulisi e vinni premiato tanti voti c'à i gari di poesii a livellu Nazionali e puru a Malta, nu libbru chi scriviu e non si trova chjù esti "Littari a lu Pataternu e a Santu Nicotemu", nu libbru veramenti bellu, chi tutti li perzuni di Mammula e li studiosi calabrisi si laccattaru. Pè non parlari di nantru libbru chi si chiama "A Frasca" a undi parla di tanti cosi 'mportanti di a vita moderna e di navota, e tanti attri libbri chi scriviu. L'urtimu libbru chi pubblicau "Remu", a cussi u chiamavanu e lu chiamanu ancora a Mammula fudi lu "Vocabalario Mammolese" (Editore Iriti, Reggio Cal. 2006), chi ci misi mu lu faci trentanni, dopo la prima stampa du Vocabolariu "Remu" moriu (finito di stampare a cura dell'autore 2003). Quandu vai mu trovi na parola ti spiega tuttu lu significato in'dialettu e poi e tradottu puru in Italianu. Quandu fu presentatu u Vocabolariu, c'a a Chiazza d'Annunziata a Mammula, ceranu tutti li studiosi, e li perzuni chi cì volenu tantu beni a "Remu". Dassau veramente nu tesoru, chistu Vocabolariu è na ricchezza pè li genti di Mammula, da Calabria e di l'Italia. Stu Vocabolariu tantu ch'esti importanti si studia puru a l'Università di l'Italia e di l'America.

Vocabolario Mammolese di Remo Gargiulo
Mammola - Panorama

Bibliografia[càgna | càgna surgente]

  • Vincenzo Zavaglia - Mammola, Frama Sud, Chiaravalle C. 1973.
  • Remo Gargiulo - Vocabalario Mammolese, Editore Iriti, Reggio Cal. 2006),
  • Gino Larosa - Mammola: Storia, Cultura, Tradizioni, Arte, Ambiente, Turismo, Itinerari, Gastronomia, Foto. - Archivio e testi privati.

Collegamenti esterni[càgna | càgna surgente]