'A pace d''a casa

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search

'A pace d''a casa è na puesia criata a Rocco Galdieri.

Testo[càgna | càgna surgente]

Io sì, te voglio bene. Ca dint’ ‘a casa mia
t’aspetto pe’ patrona, nun già pe’ cammarera.
Io nun so’ comme a chille che teneno ‘a mugliera
pe’ farse lavà ‘e panne, cosere ‘a biancaria…

P’ ‘a cumannà a bacchetta, ‘nzerrata ‘e mise sane,
chiammannola c’ ‘o sisco comme a ‘na cacciuttella…
Ca tanno so’ contente quanno, figliola e bella,
‘a fanno fa’ ‘nu straccio… secca… cu ‘e calle a ‘e mmane!

Io sì, te voglio bene! Cucìname sciapito…
- Ragù pigliato sotto, brodo senza mazzetto… -
Che fa? Si è senza sale, te pienze ch’io ce ‘o mmetto?
Pecchè? Mangianno ‘nzieme tutto è chiù sapurito!

Nun t’apprettà. Repòsate. Quanno he pigliato l’uso
tu fatte ‘o lietto e… basta! Sempe! Tutt’ ‘e matine
tu hea stennere ‘e llenzole, tu hea sbattere ‘e ccuscine…
Tu! Sempe! Pecchè sulo d’ ‘o lietto so’ geluso…

Po’ canta tutt’ ‘o juorno! Canta senza fa’ niente.
Vogliame sulo bene, pecchè te voglio bene!
Io nun so’ ‘nu marito c’ ‘a sera, quanno vene,
trova, cu’ malagrazia, che tutto è malamente!

Io voglio, appena traso, cuntarte tale e quale
chello ca m’è succieso, chello c’aggiu passato…
L’amice c’aggiu visto… Quant’è c’aggio abbuscato…
Si uno m’ha fatto bene… n’ato m’ha fatto male…

E quanno, quacche ssera, te conto… ca n’amico,
l’amico ‘o chiù fidato, m’ha dato dispiacere,
rispunneme: nun ‘mporta! Lèvate sti penziere…
Cà ce stongh’io! Curaggio ! Cunfidate cu’ mmico !

Dimme tutt’ ‘e parole ca mme può di’ cchiù belle.
Vasame ‘nfronte… Astregneme, cumme a ‘nu figlio, ‘mbraccia.

Stòname. Addubbechèame… passannome pe’ faccia
sti belli mmane toie cenère e sfusatelle…

E comme chestu lloco succede tutt’ ‘e ssere…
- L’amice mieie so’ tante!… So’ tante ‘e cristiane! -
Nun t’apprettà… Repòsate! Famme truvà ‘sti mmane
cenère e sfusatelle sempe accussì cenère!