Don Raffaè

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search
Don Raffaè
Parole 'eFabrizio De André, Massimo Bubola
Museca 'eMauro Pagani
Anne1990
EtichettaRicordi-Fonit Cetra

Don Raffaè è na canzona napulitana, scritta 'a Fabrizio De André e Massimo Bubola e mmusecata 'a Mauro Pagani.

'A canzona venette pubbrecata int'â ll'album Le nuvole d'ô 1990 e venette cantata nnapulitano.[1]

De Andrè cantaie a canzona nzemmola a Roberto Murolo, c'â mettette int'a ll'album sojo d'ê duetti Ottantavoglia di cantare (1992).[2] Don Raffaè venette pursì azzeccata int'â ll'antologia postuma Da Genova, asciuta ncopp'â fine d'ô 1999.[3]

Nutarelle[càgna | càgna surgente]

  1. «Ho usato apposta un dialetto napoletano maccheronico [...] La chiave me l'ha data gli Alunni del sole di Marotta, dove c'è questo don Vito Cacace che è l'intellettuale della zona e alla sera raduna tutti quanti e gli legge il giornale, spiegando che cosa succede. Poi, in certe parti, c'è anche qui l'attacco allo Stato: lo Stato si indigna, si impegna. Sono le parole di Spadolini, quando si precipitò a Palermo in occasione di una delle tante stragi mafiose: "Sono costernato, sono indignato e mi impegno..."». In Doriano Fasoli. Fabrizio De Andrè: passaggi di tempo : da Carlo Martello a Princesa. p. 68, Edizioni Associate, 2001. 88-267-0309-4
  2. . italianissima.net (archiviato â ll'url reggenale ô 26 giugno 2010)
  3. «De Andre', a un anno dalla morte sigarette e conchiglie sulla tomba». Corriere della Sera, 12 jennaro 2000, p. 37. URL cunsultato 'o 7 jennaro 2010.