Femmeniello

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search
Una fotografia del femmeniello nel XIX secolo.

'A "femmenèlla" (ditto pure "femminéllo", "femmenèllo" 'o singolare e "femminiélle", "femmeniélle" 'o pplurale) è na fiura tipica da cultura tradizziunale populare napulitana, ausato pe dicere 'e nu ricchione cu na forte espressività 'e femmena. Spisso cunfuso cu a cchiù diffusa rialtà transgender o transessuale, 'a femmenèlla rapprisenta 'nvece n'identità culturale e sociale assaje peculiare e storicamente attaccata dinto 'o tessuto urbano napulitano.[1]

'O perzunaggio[cagna | cagna surgente]

'A fiura da "femmenèlla" esiste 'a paricchio tiempo dinto a tradizzione campana, addò riesce a tenè na pusizzione relativamente privileggiata grazzie 'a participazzione soja a cierte manifestazzioni folkloristiche ('e vvote pure dinto all'ambito religgiuso comme 'a "Cannelora 'o Santuario 'e Montevergine 'a Avellino" oppure 'a "Tammurriata" 'a festa da Maronna e ll'Arco).

'A femmenèlla è na fiura che fa parte do tessuto suciale di quartiere populare do centro storico 'e Napule addò è na perzona rispettata. E vvote vene coffejato dinto a nu modo benevolo o affecchienza 'a perzona canusciuta dinto 'o quartiere, a cui isso però sape risponnere subbeto a 'ttono cu na battuta salace.

In genere 'a femmenèlla vene cunsiderato perzona che porta furtuna. Pe chesta raggione s'ausa (sempe ndì quartieri populare) 'e ce mettere nu criaturo appena nato 'mbraccio e ce fa na fotografia; oppure 'o fanno partecipà a juoche 'e suggetà comme 'a tommola.

'A tommolata[cagna | cagna surgente]

Ndì quartiere populare 'e Napule c'è sta 'a tradizzione che a certe tommolate ponno partecipà sulo femmene e/o femmenielli. 'O juoco se fa dinto a nu "vascio", e ce ponno sta cierte uommene ca però hanna rimanè pe fforza ncoppa 'a porta o hannaa guardà da fenesta senza mai trasì dinto 'a stanza addò se fa a tommola.

Durante 'o juoco se fa rummore, se dicene male parole, e se coffeja. In genere è 'a femmenèlla ca fa a strazione di nummere chiammannale a stronà. 'O nummero stratto po pure essere chiammato ncoppa 'a base da smorfeja napulitana, 'o posto do nummero isso po dicere sulo 'o significato cchiù diffuso e risaputo, ca tutte quante cunòsciono e 'ntennono.'O bbello da tommolata cu 'e femmenielle è dato proprio da "smorfeja": 'nfatti, manammano ca esceno 'e nummere, 'a femmenèlla attacca dinto 'a na sequenza loggeca e cronologgeca tutt' 'e significate, crianno na storia che se forma da casualità d' 'o surteggio: è n' "evento" ca 'o femmenèlla arricorda manammano ca isso se sviluppa e ca vvene cummentato strunanno cu 'o spasso o cu finto scalpore da 'e stessi femmenielle e soprattutto da 'e femmene presente 'o juoco.

Riferimenti litterarie[cagna | cagna surgente]

Dinto all''opera 'e Roberto De Simone 'A jatta Cennerentola diverse femmenielli teneno 'o ruolo 'e perzunaggi 'mpurtante. Tra 'e scene principale ce sta 'o rusario di femmenielle[2] e 'o suicidio do femmeniello[3], 'e forte 'mpatto emutivo. Curzio Malaparte dinto "'A Pelle" scrivette 'a cusiddetta "Figliata di femmenielle", ca 'a reggista Liliana Cavani purtaje dinto 'o stesso film.

Riferimenti musicale[cagna | cagna surgente]

'O termine femmeniello è stato ausato dinto 'o testo da canzone Vincere l'odio, fatta 'a Elio e le Storie Tese 'o Festival 'e Sanremo 2016.[4]

Nutarelle[cagna | cagna surgente]

  1. Alexander Hochdorn. I. Atzei (a cura 'e) Atti del IX Congresso AIP della Sezione di Psicologia sociale a Cagliari. Grafica del Parteolla, 2009. 978-88-89978-90-0
  2. Vedi il video su YouTube.
  3. Vedi il video su YouTube.

Bibbliografia[cagna | cagna surgente]

  • Eugenio Zito e Paolo Valerio. '. Filema Edizioni, 2010. 978-88-95204-34-5
  • Achille della Ragione- I femminielli - Napoli 1999.

Vvoce pariente[cagna | cagna surgente]