Marechiare

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search
Marechiare
Cantante:
Parole 'e: Salvatore di Giacomo
Múseca 'e: Francesco Paolo Tosti
Anno : 1886
Edizzione:

Canzoni Salvatore Di Giacomo pp19 spartito.svg

Marechiare è na canzóna napulitana d''o 1886.

Curiusità[càgna | càgna surgente]

Salvatore Di Giacomo, screvette 'e vierze 'e chesta canzona, senza canoscere 'o posto, ca anticamente, nfi a mità d''o milleottuciento era chiammato "Santa Maria del Faro", se dice anze ca steva assettato cu cummerità a nu tavulino d''o Cafè Gambrinus a Piazza Triesto e Trento.

Sulo paricchie anne doppo, nu juorne d'abbrile, isso jette p''a primma vota a vedè Marechiaro; nce accumpagnaje na studentessa 'ngrese, e nce arrivajeno a buordo 'e na nave a vela piccerella e nzieme a ata ggente.

'O 1914, fuje girato nu film muto; "A Marechiaro 'nce stà na fenesta", cu 'a regia 'e Elvira Notari, primmo esempio 'e femmene regista, nu dramma passiunale ispitato d''a fammosa canzona 'e Di Giacomo e Tosti.

'E pparole[càgna | càgna surgente]

Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fann' a l'ammore,
se revotano l'onne de lu mare,
pe la priezza cagneno culore
quanno sponta la luna a Marechiare.
A Marechiare nce sta na fenesta,
pe' la passione mia nce tuzzulea,
nu carofano adora int'a na testa,
passa l'acqua pe sotto e murmuléa,
A Marechiare nce sta na fenesta
Ah! Ah!
A Marechiare, a Marechiare,
nce sta na fenesta.
Chi dice ca li stelle so lucente
nun sape l'uocchie ca tu tiene nfronte.
Sti doje stelle li saccio io sulamente.
dint'a lu core ne tengo li ponte.
Chi dice ca li stelle so lucente?
Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P'accompagnà li suone cu la voce
stasera na chitarra aggio portato.
Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
Ah! Ah!
O scetate, o scetate,
scetate, Carulì, ca l'area è doce.