Fantasia (canzona)

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search
Puzzle-W-glossy.svg Chist'articulo è sulo na bozza (stub). Si ce puó ddà na mano, p''o fà addeventà nu poco meglio, spriemme ccà. Pe' ssapé comm''e 'a fà, guarda ncopp''e ccunvenziune 'e Wikipedia.

Pe' ssapé quale so' tutte quant''e stub, vaje a vedé 'a categoria stub.

Fantasia è na canzona napulitana.

Scheda d''a canzona[cagna | cagna surgente]

'E pparole[cagna | cagna surgente]

E' serenata e nun è serenata,
chesta è na fantasia che mm' è venuta...
Dice che la mia bella sta malata
e i' ca stó' buono, che ce pòzzo fá?!
Ah, ah...
Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchiù...
Pecché nisciuno maje mm'ha fatto bene a me!
E 'sta chitarra mia s'era addurmuta
e mo 'mpruvvisamente s'è scetata...
Che voce 'e paraviso che mm'è asciuta
cu nu bicchiere 'e vino, 'int'a ll'está!
Ah, ah...
Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchiù...
Pecché nisciuno maje mm'ha fatto bene a me!
No, nun è overo: chesta è serenata
e só' nu strazio chesti qquatto note...
'o ssaccio, 'o ssaccio pe' chi staje malata
e io prego 'e Sante 'e nun te fá saná!
Ah, ah.....
Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchiù!
Ma si tu muore, 'o ssaje ca i' moro appriesso a te!
Tu vi' che fantasia che mm' è venuta!