Chiàcchiera:Paggena prencepale/Archivio/2010

'A Wikipedia.
Jump to navigation Jump to search
Archivi d'a chiàcchierà d'a Paggena prencepale
2005 | 2006 | 2007 | 2008 | 2009 | 2010 | 2011 | 2012 | 2013

General policy[cagna surgente]

The following bit is not to be deleted. The text is in English in order to allow as many people as possible to understand. The admins of this wiki agreed to the following which was also proposed and agreed to by the language subcommittee:

The nap.wikipedia follows the indications given by the ISO 639-3 language code including the references to the Atlante linguistico italiano-svizzero and the Manuale di linguistica e filologia romanza, ec. Il mulino, authors: L.Renzi - A. Andreose.
We agree on the point that Wikipedia is about co-operation and not separation and that therefore other language versions that are included in the language code nap are welcome to start to create their own version on nap.wiki itself. Of course they can also work on the incubator and create their language request on meta for now or comply to the new policies once they are active.
We are happy to help them to achieve their own standing as a language if the necessary prerequisites are there.
We, as the wikipedia community, cannot do original research and therefore cannot simply change what has been recognised by linguists. A new study must then be created by some official body (not a political party, but by linguists, published adequately) - it is not for Wikipedia to do such things. These steps have to be taken by the interested individuals.
If people continue to argue rather than creating facts in terms of creating content and providing information to be presented to the standards body, they will be warned twice, asked to read the post at the beginning of the page (i.e., this post) and then get blocked if the arguments continue. Personal attacks will be followed by an immediate block.
The contents created in one of the other language must be tagged as such, otherwise they will simply get standardised.

Thank you for your co-operation and understanding. --Sabine 20:26, 30 ott 2006 (UTC)


Germanese / Turesco[cagna surgente]

Salve. Scusate ma questa proprio deve essere notificata: Tralasciando il fatto di alcuni modi di traduzioni, tralasciando che non si è capito quali abruzzesi parlino il napoletano ed altro, qui occorre che mi si spieghi: Chi si è inventato il termine germanese per intendere tedesco ? E dico proprio inventato perché germanese, seppur foneticamente sembra napoletano, è un termine che NON ESISTE. Se è vero che le ultime generazioni di italiani stanno dimenticando i loro dialetti o lingue regionali e che con i decessi dei vari "nonni" la cosa va accellerando, che fare ? Inventarsi termini del napoletano che s'inventerebbe un ligure oppure un friulano ? Chi ha i nonni vivi o conosce persone anziane potrebbe farsi un giro d'ascolto. Torniamo a studiare la lingua dai contadini, dico io ! Perché se poi si devono creare termini inesistenti allora meglio chiudere il progetto e fare un degno funerale alla lingua partenopea. Ecco... Eduardo De Filippo: datevi una scorsa a qualche sua commedia e vedete se non viene menzionato turesco, sia per i tedeschi che per la lingua tedesca. Ma da dove salta fuori questo termine ? E non è il solo. Scusate ma talvolta, leggendo, mi sembra di vedere lo sketch di Aldo, Giovanni e Giacomo in cui Aldo fa il vampiro siciliano in una tana di leghisti e finge malamente di parlare milanese. Il napoletano è una lingua nobile magari decaduta, ma ha una sua struttura ben precisa. Per favore, fate sparire questo "germanese" che tutt'al più può ricordare uno slang da seconda generazione di emigrati napoletani in Inhgilterra che, per inciso, parlano uno slang tutto loro (che in un futuro potrebbe, chissà, avere una sua wikipedia) che è un misto-fuso di napoletano, calabrese e ciociaro-abruzzese.

Pe piacere viene 'int'ô gruppo "napulitano@yahoogroups.com" pe' discutere ccheste ccose (pe' trasere 'int'ô gruppo: napulitano-subscribe@yahoogroups.com). D'Aiello e Aspromonte ausano germanése pe' "German" - 'int'â zzona 'e Salierno addo' ppure se parla 'o napulitano s'ausa germanese. Mi putissi dà nu libbro o simmele addo' pozzo trovà "turesco"? E tu si tanno bbravo 'e scrivere 'o napulitano, pecché nun 'o scrive e nvece scrive 'o taliano? Hmmmm .... --Sabine 05:34, 7 Giù 2008 (UTC)


Nun asiste? Epperò ncopp'ô dizzionario napulitano 'e Antonio Rotondo, comme pure ncopp'a cchillo 'e D'Ascoli 'o ttaliano "tedesco" vene traducido propeto comme a "germanese". Sarría na cosa bbona, primma 'e scrivere nu messaggio comme ô vuosto 'e se mfurmà, accussí nisciuno pierde tiempo. Nce sta pure n'atu sinonimo, ncopp'a cchille dizziunarie, e è "Tudisco", ca pô essere ca è 'o stesso termine ca dicite vuje, però, pe ddicere overo, turesco me pare n'acommeto d' 'a parola taliana tedesco, cu na r mmece 'e na d. 'O nnapulitano se scrive 'a 500 anne, e comme a tutte 'e llengue cagna c' 'o tiempo, De Filippo scrive napulitano però pure ausa parole taliane, tuttuquante ogge ammescammo taliano e napulitano, propeto pe cchesto ce vulisse nu poco 'e omelità e quanno tenimmo na dubbetazzione jí a vedé nu dizziunario, nun credite? Pecché nun scrivite vuje quacche ccosa? Site 'o bemmenuto ncopp'a wikipedia napulitana, si nce stanno arrore, ajutatece 'a ll'aggiustà. --Utente:Carmine Colacino 11:06, 7 Giù 2008 (UTC)
Songh molisan e ve digh ca pure nui usamo Germanés e mai Tedésch pe parlà d'a gent d'a Germanj. E mô sto parland de côm parlene i nonn mij e no d'u "slang" d'a secônd o a terza generazjôn. --70.55.57.11 22:24, 22 Giù 2008 (UTC)
Anzi, questi termini inventati sono innumerevoli! Per esempio, qual nipote di contadino si è inventato quel vil termine "mesale" per significare "tuvaglione"? E come facete dir "mappina" per intendere "asciugamano", "vasenicola" per "basilico", "salita" per "uscita"?
Il napoletano, come dici anonimo, ha una sua struttura ben precisa. E posso dirti che non è quello dell’Italiano! Per favore, fa sparire queste nozioni di una grammatica italianizzata o del napoletano come impiallacciatura ricoprendo una struttura italiana. Parli dello "slang misto-fuso di napoletano, calabrese e ciociaro-abruzzese da seconda generazione di emigrati napoletani in Inhgilterra". In primo luogo sappi che la maggioranza della seconda generazione di emigrati napoletani non hanno una coscienza linguistica abbastanza svillupata di voler partecipare ad un tal progetto. Poi, chi si sforza a ben capire la lingua sa separarla degli altri dialetti. Peraltro, va bene lamentarsi l’ignoranza dei locutori del napoletano all’estero, ma direi io che la massima ignoranza e vergogna appartengono ai locutori snobistici dell’Italia chi, volendo elevarsi ed esaltarsi anche il proprio dialetto, lo riempiano di calchi presi dello standard italo-toscano, errodendo la propria unicità della lingua!
Infatti, la parola napoletana "mesale" viene della parola napoletana "mesa", prestito dalla stessa spagnola, che viene dal latino "mensa", che vuol dire "tavola". La parola napoletana "mappina" viene dal latino "mappa", che significa "tovaglia", quindi vuol dire una piccola tovaglia. La parola napoletana "salita" è un prestito della lingua spagnola. Quindi è evidente che la lingua napoletana ha altre origini da quella italiana.
L’Italiano, essendo una lingua sorella e non madre del napoletano, non dovrebbe entrare nella discussione degli origini di quest’ultimo. Per di piu’, le norme e le regole dell’Italiano c’importano al Napoletano quanto al Francese—cioè non c’importano.
Finalmente, la lingua appartiene a chi la parla! Ed anche se certi dicono turesco, ci sono altri che dicono germanese. Non ci vuole un’accademia per saperlo!--132.205.103.33 21:06, 16 Fre 2010 (UTC)

Napoletano parlato in Abruzzo?[cagna surgente]

La lingua napoletana
I dialetti meridionali intermedi

Ma vi rendete conto delle cavolate che dite? In Abruzzo di parlano diversi dialetti. Alcuni di questi hanno radici comuni col napoletano. Ma da questo a dire che in Abruzzo si parla il napoletano ce ne corre. Questo progetto mi fa pena quanto i rigurgiti neo-borbonici che contiene. Noi Abruzzesi siamo tutt'altra cosa..

La sezione abruzzese è soltanto per quelle parlate dell'Abruzzo che linguisticamente fanno parte del gruppo "lingua neapolitana". Non ha niente a che fare con tutto quello che dici tu.
Non basta appiccicare una figura per sostanziare un discorso. Ad ogni modo perché non ci sono anche le Marche?
--79.234.191.32 11:12, 30 Aùs 2009 (UTC)
La mappa è giusta, ma il titolo è sbagliato.
Tanto più che – secondo la mappa stessa – il napoletano non è che una varietà del campano.
Insomma, abbiate una buona volta rispetto per le varie identità dialettologiche e non ostinatevi a chiamare napoletano quello che sarebbe più politically correct definire dialetti meridionali intermedi.
Voi stessi citate come fonti di questa immagine [1] [2] [3], ma nessuna di queste fonti usa la dizione lingua napoletana.

Please go and complain with Unesco: http://www.unesco.org/culture/ich/index.php?pg=00206 Name of the language South Italian (en); южно-итальянский (ru) Alternate names Neapolitan; Neapolitan-Calabrese; неаполитанский; неаполитанско-калабрийский Vitality vulnerable Number of speakers 7,500,000 (rough estimate based on various sources) Location(s) Campania, Lucania (Basilicata), Abruzzi (Abruzzo), Molise, northern Calabria, northern and central Apulia (Puglia), southern Lazio and Marche as well as easternmost Umbria Country or area Italy Coordinates lat = 40.9798; long = 15.2490 References Corresponding ISO 639-3 code(s): nap Record number: 01336 Compiler(s) Tapani Antero SALMINEN (12/2008)

So why not add also Marche and Umbria? Please respond because I have many times done this question but NEVER answered
If Unesco starts by saying that the Name of the language is South Italian (en), and Neapolitan is just an "alternate name", then let's call it that way, since that's the name that Unesco prefers. This could have been the Southern Italian Wikipedia: that sounds less neo-Borbonic.

What does neo-Borbonic mean? Sorry, I am neither Italian nor Neapolitan, could you please explain in a detailed way? Alternate name: well the alternate name is a second name having the same value = is a synonym - so where's the point? Wikpedia is based on sil records and sil uses Neapolitan for nap with the same definition - I really can't appreciate your problem.

The Bourbons were the last kings of Naples (The Kingdom of the Two Sicilies, that is), therefore the accusation of neo-Borbonism is an accusation of Naples-centric cultural imperialism.E. abu Filumena 16:20, 1 ott 2009 (UTC)
An excellent clarification: "Naples-centric cultural imperialism". That's all this Wikipedia is about.
"That's all this Wikipedia is about"?
Almost all.
Posso sapere perché se qua sopra uno ti scrive in italiano tu gli rispondi in inglese ? Cioè, fammi capire, tu fai l'amministratore qui sopra, decidi come dobbiamo parlare il napoletano noi che siamo di Napoli e rispondi in inglese perché il napoletano e l'italiano non lo capisci ? Idem per Sabine, amministratore onnipotente che non parla una virgola di napoletano ? Insomma voi 2 fate e disfate qui sopra di policy su UNA LINGUA CHE NON SAPETE PARLARE ? Ma che TRUFFA è questa ? Mi spiegate come fate voi 2 a decidere d'imperio e senza contraddittorio come dobbiamo scrivere e parlare il napoletano senza conoscere questa lingua ? Ao, io i ministub arriva a farli anche sulla wikipedia cinese, basta un po' di allenamento coi template, occhio alle creazioni di voci con uno standard ed un minimo occhio linguistico, ma certo non vado li a menargliela se mi correggono i loro ideogrammi. --95.247.9.18 03:55, 1 Maj 2010 (UTC)

Potete gentilmente spiegare come mai Marche e Umbria non risultano nelle regioni dove si parla il "Napoletano"? grazie![cagna surgente]

Beh, dagli tempo: tra un po' aggiungeranno anche Marche e Umbria. Anzi, probabilmente – allargandosi allargandosi – arriveranno a scrivere che il "napulitano" si parla anche in Alto Adige e nella Venezia Giulia.

Non ti preoccupare, fra poco incontrerebbe il lombardo e il friulano scendendo al sud, ci sarebbe una guerra e poi potremmo andare avanti e parlare inglese tutti quanti e non dovremmo preoccuparci di questi problemmucci!
Una guerra linguistica? È improbabile: gli italiani già parlano una lingua comune.

Dove comincia e finisce il napoletano ?[cagna surgente]

Ma almeno sarebbe possibile spiegarlo il perché di questa estensione napoletana che fra poco lambisce Rimini è chiedere troppo ? A Gaeta e Cassino ci arrivo pure io, dato che li parlano il napoletano. Ma il gruppo dialettale abruzzese (in toto) è fin troppo simile al ciociaro, ai dialetti umbro e marchigiano (se si esclude la zona pesarese). Si parla di isole linguistiche o estensioni napoletane ? Sinceramente, da napoletano, i dialetti di Andria o Termoli mi risultano difficili ma potrebbe avere anche un fondamento dire che i dialetti molisani e pugliesi (escluso il salentino) siano una specie di dialetti "autonomi" del napoletano, così come il romanesco ed il toscano stanno all'italiano. E il calabrese ? Idem ? Perché a questo punto anche il cilentano (exclave linguistica siciliana, con influenze lucane) potrebbe aver senso. Quindi la wikipedia tarantina sarebbe una dependance di questa ? Ah ma, a proposito, e i dialetti lucani in questo marasma dove sono finiti ? Sono una lingua a parte ? Chiedo fonti, tutto qui. Chiedo riferimenti chiari e PRIVI DI EQUIVOCI o VOLI PINDARICI che possano affermare che i vari blocchi dialettali che vanno dai confini con San Marino e Rimini a Reggio Calabria siano dialetti della lingua napoletana... SE ESISTONO. Si parla dei gruppi mediani (abruzzesi, ciociari, pontini, molisani, umbri, marchigiani), di quelli pugliesi e calabresi... E poi ci sono "buchi" più simil-napoletani dei pescaresi di cui non si dice nulla (la Basilicata e il Cilento con chi stanno ?). Questo potrebbe essere anche vero, ma con delle certificazioni che lo attestassero sarebbe molto meglio.

A quel che ne so, il napoletano (lingua) con le sue varianti dialettali con differenze quasi impercettibili (all'orecchio dei non puristi di una lingua) si estende nella provincia di Napoli (Pauzzoûlë compresa ;-D ), Caserta, nella zona laziale tra Formia e Cassino, nella provincia di Benevento salvo buona parte della sua area rurale di nord/nord-est, nella provincia di Avellino salvo le zone confinanti con la Basilicata e nella provincia di Salerno con esclusione del Cilento e sue aree limitrofe. Questo è quello che comunemente s'intende per "napoletano" nell'immaginario collettivo popolare. Magari lo si dirà ai bambini di Salerno e Benevento di parlare italiano, non napoletano (il classico "non parlare in indialetto !"), ma mi risulterebbe strano sentire quest'imbeccata a Bari o a Pescara... Ma c'è pure da dire che quello che è dato di fatto nella saggezza popolare spesso non corrisponda a verità. Questi i miei dubbi, nessuna polemica. Giusto per capirci qualcosa ed evitare sempre le stesse diatribe che leggo da ormai 4 anni.

Domande da 1 milione di dollari. Intro: Se il napoletano è lingua (e questo pare assodato dall'ISO) e quelle varianti sono suoi dialetti, perché state scrivendo articoli-variante in calabrese, molisano ed abruzzese ?

  1. È vero che ogni Wikipedia ha le sue regole, ma con questo ragionamento è plausibile aspettarsi prima o poi articoli-variante in romanesco e toscano su itwiki.
  2. Perché non scrivere articoli in salernitano ? Perché nessuno noterebbe la differenza ? Si ma anche quello è un dialetto napoletano al pari del barese (stando a quel che si dice qui).
  3. Alcuni articoli sono solo in calabrese (ad esempio). Ma non dovrebbero essere obbligatoriamente prima nella lingua madre e poi, volendo, nella sua variante ? Aggiungo: e in una variante praticamente incomprensibile a me che sono di Napoli.
  4. Con gli interwiki linguistici che pasticcio accadrà ? Se già contiamo le "versioni stabili" (e le altre sono pericolanti o soggette a restauro delle Belle Arti ?), poi aggiungiamo variabili calabresi, abruzzesi, molisane e chi più ne ha più ne metta si vedranno articoli come Napoli in almeno 6 versioni. Qual'è la versione che merita ufficialità di interlink ? E rimanendo in Italia, verso chi ? Il lombardo prevede già 4 o 5 versioni (anche quella canzese), l'emiliano-romagnolo (dove non sono riusciti nemmeno a dare un nome alla pagina principale, che chiamano PP) è una mescola di 8 dialetti con articoli che va ognuno per i fatti suoi, il sardo ha 2 versioni che per ora pare resistano in articoli singoli bilingui. Insomma per 3 wikipedie si avrebbero, in un ipotetico articolo presente in tutte queste per Napoli, circa 25 articoli paralleli. Dato che gli interwiki vengono messi a tutti questi, prima o poi un interwiki-bot fonderà.

L'argomentazione credo sia chiara e dettagliata e mi interesserebbe una spiegazione anche di materia tecnica (vedi la domanda 4), fosse solo per capire come si contribuisce senza incasinarsi. Ma non sarebbe più semplice fare un'edizione in calabrese (ad esempio) separate (come la tarantina) che parcheggiarla qui ? Lo so che dipende da quelli della WMF e non da voi. Giusto per avere un parere.


Non tutte le lingue sono unificate como l'Italiano. Infatti, la lingua standard dell'Italia unita è piuttosto un'eccezione alla regola. La piuparte delle lingue nel mondo hanno diversi dialetti ed hanno anche parecchi variazioni "prestige" regionali (ex. l'inglese americano, britanico, australiano; il portoghese europeo, brasileno, africano; il francese di pariggi, belgo, acadiano, quebecchese, africano; lo spagnolo castigliano, sevigliano, argentino, messicano, cubano). Anche l'Italiano ha parecchi accenti di "prestige": c'è chi considera superiore la pronuncia romana e chi l'ambrogiana.
Però la lingua rimane enormamente unitaria, in grande parte perché, essendo una lingua "inventata" o perfezionata, non ha dialetti proprimente detti. Invece, la piuparte degli italiani parlano una lingua romanza minoritaria (chiamati dialetti italiano e no dialetti dell'italiano) colloquiamente, e quindi la lingua non ha ancora svillupata propri dialetti. Si deve ricordare che la pronuncia italiana fu standardizzata soltanto colla radio, forse cent'anni fa, e diffusa soltanto colla RAI, forse cinquant'anni fa.
Al contrario, la lingua "napoletana" o "meridionale" ha svillupato grandemente senza l'intervenzione di grammatici ed intelletuali, come l'inglese. Quindi, come l'inglese non esiste un solo "standard" ma parecchi intorno ai centri regionali (Napoli, Benevento, Campobasso, Lucera, ecc.).


È un po' imbarazzante sentire lezioni sull'italiano e sui dialetti d'Italia da chi è nato e vive oltreoceano, non ha competenza linguistica nativa né nell'uno, né negli altri e offende l'italiano definendolo lingua "inventata".
Poi è davvero un'enormità inaccettabile sentire confrontare la situazione dell'inglese, che – pur nella varietà degli accenti – ha quantomeno un'ortografia unificata (salvo sparute oscillazioni, colour/color e simili), con la Babele di dialetti che si trova nel Mezzogiorno d'Italia, con l'enorme frammentazione e l'assenza di qualsiasi standardizzazione ortografica.
Non mi risulta che sulla Wikipedia in lingua inglese ci sia bisogno di versioni multiple dello stesso articolo, scritte in inglese britannico, inglese americano, inglese irlandese, inglese australiano e altre varietà.
Questo perché – evidentemente – l'uso letterario nella lingua inglese è sufficientemente uniforme, con un patrimonio grammaticale e lessicale condiviso; e lo stesso vale per il francese e lo spagnolo. Ma questo non si può dire dei numerosi dialetti che qualcuno raggruppa sotto l'etichetta di "napoletano", che – si noti – non hanno neppure un riferimento regionale sicuro, ma rimangono essenzialmente parlate di campanile.


In primo luogo, io parlavo soltanto il napoletano fino al mio quarto anno ed ho studiato l'italiano al livello primario, medio, ed univsersitario (anche se faccio certi errori di battitura, essendo inesperto alla tastiera italiana). Per di più, sto facendo il Bachelor con specializzazione in Linguistica (per la quale ho studiato non solamente la teoria del Linguaggio, ma anche il latino, il greco antico, e la filologia romanza storica) ed ho conoscenza del francese e dello spagnolo. Inoltre studio, nel mio tempo libero, la letteratura classica napoletana (come Lo cunto de li cunti) confronto ai testi poetici recenti in Campano (e.g. canzoni napoletane), Molisano (Cirese, Rimanelli, ecc...), e negli altri dialetti della lingua napoletana. Quindi so che posso parlare con dotta autorità su questi argomenti.
Molto più imbarazzante delle mie "lezioni", infatti, è la Sua ignoranza. Innanzi tutto, deve capire che le grande lingue come l'Inglese e il Francese hanno certo un sistema ortografico unito, ma hanno comunque numerosissimi accenti e favelle diversi. L'importante è che queste variazioni esistono sul livello fonetico o fonologico, e che la struttura grammaticale sottostante rimane quasi la stessa. Il napoletano ha questa stessa varietà, ma non ha mai saputo un'amministrazione linguistica centrale. In questo modo assomiglia molto alle fasi precoci della scrittura di queste grande lingue--l'Inglese primo del concentramento del potere a Londra aveva parecchi standard (quel di Kent era molto popolare). Oggi, la lingua scritta è più o meno unificata ma la pronuncia non ci ha quasi niente da fare collo scritto.
Il napoletano (o l'italiano meridionale, nome fallace perché il napoletano o volgar pugliese non fa parte dell'italiano) è sempre stato diviso. Nella nostra era la lingua è ancora soggetta alla nozione fascista di "dialetto". Gli unificatori dell'Italia hanno cercato, tramite la propaganda, di creare quest'idea popolare della "Babele di dialetti", come ha scritto Lei. Quindi abbiamo il mito del dialetto che "cambia da un paese all'altro". Il fatto, però, è che uno di Larino, uno di Benevento, uno di Lucera, ed uno di Napoli, messi tutti insiemi in una stanza, potrebbero communicare facilmente parlando soltanto il proprio dialetto. Ci vorebbe soltanto un pò di tempo per capirsi i vari accenti--ma la grammatica ed il lessico della lingua rimangono uniti (e diversi di altre lingue).
Quindi la soluzione sarebbe un sistema ortografico poco fonetico, come hanno l'inglese ed il francese. Visto che questo benché esiste non è convenuto né conosciuto, certi utenti cercono di scrivere secondo la loro pronuncia. Ma ci sono sempre aree di pronunce concordate. Non dico che l'idea è necessariamente giustificato; invece so che ci vuole una sola scrittura. Ma per il momento è cosí.
Finalmente, l'italiano è infatti una lingua inventata. È basata sul toscano fiorentino adatto primo in koiné regionale colla purga di localismi e l'aggiunta di regionalismi. Poi è stato influenzato dal siciliano (che era già una grande lingua letteraria quando Dante fu nato). I grandi autori del rinascimento hanno reintrodotto latinismi ed i grammatici coevali hanno riformato e regolarizzato la coniugazione per riflettere la "perfezione" del latino. La lingua è rimasta essenzialmente letteraria e non orale fino all'ultimo secolo, quando la RAI ha fissato la pronuncia (usando strettamente la pronuncia ufficiale invece di promuovere accenti regionali) che poi ha imparato il popolo. Ad ogni passo, la lingua italiana ha subito cambiamenti consapevoli invece di crescere "naturalmente".


You seem to have changed your view about the "languages" spoken in Southern Italy: some time ago you wrote that Molisano and Pugliese are languages distinct from Neapolitan, now you say that they are dialects of Neapolitan. But maybe your studies have progressed (!) in the meantime.
Don't you think, my dear Canadian friend, that it is also fascist (I'm using your own words) to force someone who does not identify their language/dialect as Neapolitan to call it "Neapolitan"? Don't you think that we all have a right to full linguistic self-determination?
As for the comparison between Neapolitan and English: first you wrote that current English usage can be compared to Neapolitan in the existence of more than one standard, now you're comparing the former situation of English (many centuries ago) with the present situation of Neapolitan, but that's another kettle of fish.
Talking of contradictions, you call the Italian language "invented" because it has been regulated and enriched by intellectuals, but you make reference to Neapolitan literary works which are full of "invented" Latinisms and Italianisms (as this Wikipedia is: articulo, cronologgia, attualità, and the like).
And then you aim to impose a unified spelling for all the supposed dialects of Neapolitan, which would be ultimately artificial: should I spell [atˈtæːnə] as «pate»?


Yes, my views have changed. What I said before was based only on my knowledge of my own dialect and a superficial understanding of the linguistic situation. Now, having studied the neighboring dialects at length, as well as written works in Classical Neapolitan and in the modern-day dialects, I have come to the understanding that most of the differences that we take to be substantive evidence of mutual incomprehensibility are in fact merely phonetic accent features, while the underlying grammar is almost identical and the lexicon is largely shared. I make no apologies for increasing my own knowledge, perhaps you should do the same. A little reading never hurt anyone.
I do not believe it is fascist to "force (as you put it) someone who does not identify their language/dialect as Neapolitan to call it 'Neapolitan'". Firstly, no one is "forcing" speakers to call the language Neapolitan; that is merely one of the most common accepted names. Secondly, the fact is that there is a language or dialect continuum spanning much of the southern Italian peninsula. You can call it whatever you want, but it's there.
We may all have the right to linguistic self-determination, but that means nothing if it is not recognized and if the language that results is not viable. We speakers of South Italian Romance Languages can achieve far more by banding together with a single written language. By using classical orthography like in "Lo Cunto de li Cunti", we can eliminate the problem of favouring one spoken dialect over another. I propose to let the written language stand alone, as it does in English and French. This would mean each small dialect group exercising its linguistic autonomy to participate in a larger union. For most South Italian Dialects, rather than giving up their autonomy, this would be their very first act of linguistic self-determination.
The situation of Neapolitan can be compared to both modern and developmental English, because English still does not constitute a monolothic and unitary language. In fact, with the advent of colonialism, whole new branches of English were born (i.e. Indian and Carribean English). These are often more disparate than the dialects of the South Italian Romance Language, because they often entail grammatical differences rather than mere lexical ones (e.g. Indian English frequently leaves out the determinate article, making it confusing for other English speakers), which are expressed even in writing.
More specifically, though, written Neapolitan can be compared to the earliest stages of English writing, where diversity reigned. Spoken Neapolitan can be compared to modern English, which has many, many spoken prestige standards: British Received Pronunciation (the Queen's English), Estuary English (posh in BR), Irish English, Scots English, General American English (U.S. Broadcasting Standard), New England Prestige English (Kennedy's English), Montreal-British (Canadian Broadcasting Standard), Western Canadian, Indian Prestige English, and many more. Each of these varieties represent different pronunciations of the same underlying words. In South Italian Languages we get into huge debates because one says "stongo", one says "stengo", and one says "shtongo". In English these differences are small compared to the dialectal prestige varieties that exist, never mind the working-class varieties. So yes, the spoken and the written are two completely different situations: THAT'S MY POINT.
All languages are "enriched by intellectuals". Italian was consciously created. Dante set out to create a neutral written language that could represent the Tuscan dialects. Over the centuries, it was mostly a written language which was consciously reformed by people like Pietro Bembo, who actively sought to change the language and make it closer to his personal ideal. Because he was a major publisher at a time when books were rare, he had a huge influence. And there were others but I don't want to get into the history of the Italian language. Moreover, because most of the population did not speak a Tuscan dialect, they all learned a unified pronunciation. Around 90% of Italians were not native speakers on unificiation. It's a nation of second-language speakers. Ugh just read about it, I'm not here to teach you.
Finally, spell it attano! This is the perfect example! [a] changes to [æ] in so many dialects! And by having a single written language, this regionalism can then enter the mainstream of the language and be understood, thus increasing the overall robustness of the language. I am not saying the writing system used on this Wikipedia is the standard we must stick to, but I say we should try to find a standard we can all use. That would make it so much easier to build an online presence, have more books published and read, and create materials teach the language. Also, what are you? Barese?


You're currently reading Lo cunto de li cunti and you're advocating this terribly conservative ſpellynge, but Neapolitan poets and playwrights themselves have abandoned it more than a century ago: and the homepage of this Wikipedia presents another (more phonetic) orthography as "classical"; so you should convince them first. But maybe tomorrow you'll start reading the poems by Salvatore Di Giacomo and your opinion will change (again!).
As for myself, I'm not so keen on historical spelling systems: there have been so many complaints about the English spelling, therefore I would never try to imitate such a "national disgrace".
I represent my own Apulian dialect in a phonetic or phonemic script, since it is merely a spoken dialect, and its specific characteristics would be obscured by an "etymologic" script. Neapolitan literary usage, both past and present, is not a linguistic standard I feel the need to conform to; so I'm not going to call my dialect "Neapolitan", and Neapolitans would never call it so. And unlike you, I'm not interested in "banding together with a single written language", whatever its name.
You may despise the Italian language («nolo acerbam sumere»), but you ought to acknowledge that the linguistic situation in Italy has deeply, irreversibly changed since the 19th century.
Have you ever asked yourself why this Wikipedia has been written mostly by a German lady and by an Italian American and not by ordinary Southern Italians? The main Neapolitan newspaper wrote that this Wikipedia is «un'idea borbonica, più che da net generation», which can be the answer.
I am definitely convinced that this is much more a political issue than a linguistic one: the existence of a dialect continuum in Southern Italy is a fact that I have never attempted to deny, and the map posted above is accurate enough in describing it, but "a single written language" is another thing, something that seems to be of no use and of no appeal to the average contemporary Southern Italian.


I'm laughing at you right now. You use a phonetic WRITING system because your dialect is MERELY SPOKEN? As soon as you WRITE it, it becomes WRITTEN. Moreover, no system can ever be "phonetic"! Not even the INTERNATIONAL PHONETIC ALPHABET is completely phonetic. Each and every individual human utterance is distinct! You are just choosing to transcribe your dialect using a higher degree of phonetic representation.
If you are not interested in WRITING your dialect (but only in "transcribing" it), and you are not interested in "banding together", then why are you wasting your time here?
I am making suggestions to democratise the de facto written standard (which is, in fact, used in Southern Italy: look up the lyrics to Jammo ja', Nino D'Angelo's new song, or any Gigi D'Alessio song. Or did these people just magically pull matching abstract-historical writing systems out of their respective asses? WHERE ARE ALL THE SCHWA SIGNS?) by abstracting it away from modern-day spoken Neapolitan and toward a theoretical centrepoint. This is a constructive activity which may lead some people to realize that their MATERNAL LANGUAGE is actually WORTH SOMETHING and not, as my grandparents, parents, and myself were taught, "unwritable" (and therefore illegitimate).
If you're just going to be a hater, then go hate somewhere else and let the people involved here figure it out for themselves.


You're terribly conceited. I actually wrote "I represent (i.e., I transcribe) [...] in a phonetic or phonemic script": "phonemic" is more correct, but "phonetic" is commonly used. Even you said «screttura funeteghe» when you were planning a "phonetic" spelling for your grandmother's dialect.
When you make reference to D'Angelo and D'Alessio, you should mention that they both hail from the city of Neaples, and that they never claimed that their language/dialect is spoken all over Southern Italy. Which is simply the point I have tried to make.
Also, please notice that hardly anyone is currently working on this Wikipedia, four administrators out of five aren't active, so I'm not really disturbing anybody with my criticism.
Anyway, since you are so touchy, I'll leave you alone (alone!) with your dreams of standardisation and democratisation (now I am the one who can't help laughing).
Adieu, mon cher ami canadien.

Arefagéme ne puóghe l'ortugrafì dô napuletane[cagna surgente]

Ij tànde vuóglie fà cagnié l'ortugrafì dâ léngua napuletane. Štanne truóppe .. angóre àja finì de scìvere 'šta parte, ma, 'mmé, le pozze finì chiù doppe. L'Orgoglio 14:46, 9 dic 2009 (UTC)

Ma tu da ndó si? Ij songhe Mulesane d'u Larine. Pure u dialette tije me pare Mulesane/Cambuasciane, pecché u fatte de métte u s-mpure nande ê 't'/'d' è probie caratterìšteche (a maggioranze d'i variande d'a lenghe napuletane u méttene nanze ê tutte i cuesenande a parte de 't'/'d'). Pe piacére fame sapé se tienghe raggione (o pure se me songhe sbajate).
Mfatte, ij vuje crià na scretture uenite p'i dialette mulesane. Pu, se ce štanne mettiame tré o quatte ualetà de scretture p'a lenghe "Napuletane", e cade une rappresende chiù o mene na parlate regionale (cóme se fusse nu štandarde Napuletane/Cambagnuole, Pujése/Barése, Mulesane, e Bbruzzése), nne fusse a fine d'u munne. Ij crede ca quište facésse ca almene u dialette ze putésse scrive e capì, che facésse ca putésse servì de lenghe letterarie, ze putésse mbarà 'na scóle. Levasse pure a pressione de vulé nglude tutte quande i parlande 'na scretture štandarde. E pu nne fusse niende de grande capì i scretture devierze: l'ati lenghe cóme u nglése, u nórze, e u purtoghése tenne devierze scretture.
Ma, nzómme, qua ngoppe ê Wikipedia nne jè u pošte pe nnovà. Fusse cuendrarie tutte l'idéje: n'ngeclopédie esište pe te dice quille che già ce šta! De chiù, è buone sapé scrive u napuletane clàsseche, pecché jè a uertografije d'a chiù grande parte d'a štorie d'a lenghe a noštre. Ma, cóme già haje ditte, pe piacére cuendàtteme pecché me piacésse tande parlàrete! A salute.--Larineso 04:57, 19 dic 2009 (UTC)
Ij ce crede ca gié pàrle cu ttì (l'nderìzze tè de la email jè stitut(a)gmail.com, no?). Se nnò, ddìmele pe piacére. Se mme sié a mmì, l'nderìzze email de le mè séve ilstudioso(a)gmail.com (mò le sàcce ca 'nza ùse "il" prima de "st-" énda talijiéne pròbrije)


Ripporto una celebre frase del grande Totò "Sol chi è d'napl po capì ò significat e viver rind a chesta bella città come Napl"

Pff almeno imparati a scrivere se vuoi fare lo snob: Sulo chi è de Nàpule pó capí 'o significato 'e vívere rint'a chesta bella città comm'a Nàpule
E tu impara che in italiano standard si dice "impara a", e non "imparati a".
E tu imparati primo a coniugarti i verbi riflessivi all'imperativo e poi imparati a succhiarmi le palle, tesorino.
"Impararsi a" is dialectal, I'm afraid (and comes from more than one dialect: see [4], for instance).
Any native speaker of Italian can see that your Italian is spiced with improprieties ("prima", not "primo", by the way), and you even want to teach us our own language! Pathetic.

Tabula rasa[cagna surgente]

Raga, io ve lo dico e ve lo scrivo in italiano così capiscono TUTTI coloro. E non facciamo gli ipocriti, per favore, siamo italiani, abitiamo in Italia e chiunque italiano sappia maneggiare un pc lo capisce l'italiano. Questa qui è diventata la barzelletta delle Wikipedie, ma per davvero. I lombardi sono diventati un'enciclopedia seria dopo la figura di merda di 2 anni e mezzo fa, persino i tarantini che erano presi per il culo da tutti ci hanno superato. Stiamo ai livelli degli emiliano-romagnoli che scrivono articoli in 9 dialetti diversi e non si decidono su niente, manco sul nome della pagina principale. Questa qui è diventata ormai un deposito di vandalismi, un'accozzaglia di test di gente che si è rotta di scrivere (male) napoletano su IRC e viene a scriverlo (male) qua. Una pappocchia di assurdità, un misto incomprensibile gestito poi da persone che il napoletano non lo parlano ! Ma mi spiegate perché il messaggio della general policy qua sopra lo devo trovare in inglese ? Ma lo volete capire che i 3 dialetti dell'italiano sono il romanesco, il toscano ed il mediano (alias abruzzese, ciociaro, molisano, umbro, pontino, marchigiano) e col napoletano non c'entrano NULLA ? Parliamo la lingua degli emigranti in Inghilterra che nessun napoletano comprenderebbe ? Chiudiamo la baracca, siamo ridicoli come eml: per non parlare della FORMATTAZIONE che NON ESISTE. Ogni pagina, ogni template, ogni categoria se ne va per i cacchi suoi; le pagine in napoletano corretto e quelle in scorretto MA PER FAVORE ! Ma che io scrivo una pagina su it.wiki con un italiano da cani e quelli la copiaincollano, la correggono ortograficamente e ci fanno una pagina doppia. Roma/scritto di merda e Roma/scritto in italiano ? Aoooooooo !!! Ma poi gli articoli in molisano o calabrese ma che significa ? Io come dovrei sapere se scrivere napoletano, sorano, o lametino un determinato articolo ? Come funziona ? Gli articoli della Calabria si scrivono in calabrese, quelli del Molise in molisano e... A proposito, e la Lucania ? E poi il barese... Ma se c'è roa-tara:, se ci sono i tarantini con una wikipedia autonoma che ci fa il barese qua ? Ma si può fare che in una wikipedia IN LINGUA bisogna scrivere in 20 LINGUE ? Separiamole ! Se esiste una tarantina allora una calabrese ha tutto il diritto di esistere. Ma voi sulla wikipedia italiana vedete articoli scritti in romanesco o pisano ? Ogni edizione è in UNA lingua, non in 100 versioni. Solo su quelle italiane accade questa pappocchia. I catalani scrivono catalano, i baschi basco, ma io posso sapere perché i napoletani debbano scrivere in 50 dialetti, i sardi farsi 4 traduzioni affiancate della stessa pagina, gli emiliano-romagnoli sono 9 wikipedie separate. FATELA FINITA ! Fatela finita, ma qui ci sono solo inglesi, tedeschi, canadesi, americani e belgi che litigano fra di loro, ma la lingua napoletana dove minchia sta ? Ma chi la gestisce ? Il napoletano di brokkolyno non è una lingua, non esiste. CHIUDETE E RIPARTIAMO DA ZERO ! Basta con questa farsa !

Toponomastica e altro[cagna surgente]

Buongiorno a tutti, sono un utente della wikipedia in Lombardo molto (ma molto) interessato alle questioni dialettali di tutta Italia, e quindi per osmosi anche allo stato in cui versano le wikipedie scritte nelle varie lingue regionali. Non intendo entrare nella polemica riguardante l'effettiva estensione del Napoletano, di quali siano i suoi dialetti e via dicendo, perché anche se ho un'opinione in merito non credo di essere abbastanza competente per sparar sentenze a caso. Non credo comunque che il problema vostro maggiore problema sia quello della gran profusione di dialetti, perché noi siamo riusciti, per esempio, a gestirlo abbastanza bene: l'importante è fornire regole precise e standardizzate, poi si può scrivere in campano, pugliese e via dicendo. Il problema piuttosto ritengo sia quello di voler imporre uno standard unico, perché risulterebbe senz'ombra di dubbio artificioso e costrittivo. Ma in ogni caso, non era quello che volevo chiedere.
In questo periodo, da noi si sta finendo di scrivere le pagine per tutt'i comuni d'Italia, inclusi quelli campani, abruzzesi, molisani e via dicendo: essendo io molto interessato anche alla toponomastica dialettale, ho voluto controllare se per esempio qui sulla vostra wiki ci fossero i nomi dialettali perlomeno dei paesi napoletanofoni. Beh, mi pare (salvo forse qualche eccezione, come Napule, Beneviento, Salierno. Afravola...) che tutti i nomi siano in Italiano. Perché? È una vostra scelta? Non conoscete i nomi dialettali? O semplicemente non ci avete pensato, ritenendo importante prima di tutto fare un mucchio di pagine robotizzate per aumentare il numero di articoli della vostra wikipedia di un qualche migliaio (come i Veneti, che hanno semplicemente venetizzato i nomi italiani dei paesi veneti)? Noi, per gli articoli dei comuni lombardi e ticinesi abbiamo fatto le dovute ricerche, e se qualche comune svizzero italiano non ha ancora il nome dialettale è solo perché non l'abbiamo ancora trovato. I siciliani, perlomeno per i comuni siculi, calabresi e salentini (nonché per le città italiane più importanti) hanno messo il nome nella propria lingua. Così pure i friulani, i piemontesi, i sardi, gli emiliano-romagnoli e i liguri. Perché voi no? Non è che voglio fare una critica a tutt'i costi, figuriamoci (ripeto, non sono un addetto ai lavori, non ho la competenza necessaria), ma è semplice curiosità e interesse: perché una wikipedia di una lingua regionale così importante è nel complesso così incasinata? Sperando in una risposta, vi auguro buon lavoro e tante care cose.
Ve saludi, Eldomm.


Come già mi è capitato di notare, è opportuno porre queste domande in tedesco o inglese, così da facilitare le cose agli amministratori di questa Wikipedia.
Provo a rispondere io, ma la risposta sulla questione toponomastica l'hai già raggiunta da solo: la signora Sabine Emmy Eller, fondatrice e prima amministratrice di questa Wikipedia, è sempre stata fermamente convinta dell'importanza della quantità delle pagine, e perciò della loro creazione automatizzata. E questo proprio per i Comuni italiani, che assicurano le prime ottomila facili paginette; figurarsi se ci si preoccupa di cercare i nomi usati localmente.
Poi, è talmente vasta l'area che si pretende di includere nel "nnapulitano", che dovrebbero esserci tanti collaboratori, per ciascuna zona dialettologicamente specifica; ma qui non c'è quasi nessuno. La pretesa di veder prevalere quello che per loro è il "napoletano classico" (mai veramente accettato come standard linguistico) ha sicuramente irritato coloro che si sentono inclusi forzosamente in questa "lingua", ma deve aver finito per allontanare pure i napoletani.
Per giunta, anche gli stessi amministratori mi pare che adesso latitino...


Quindi, conosce dei nomi o no? Ho capito l'argomento che forse non ci devono essere tutte queste pagine italiane, forse aspettavano che arriverebbero gli utenti (come Lei, anonimo?) a napoletanizzarle? Non sembra che state provando ad arrivare ad uno standard con cui potete scrivere neanche. Da ciò che ho letto io, c'è questo "napoletano classico" e una marea di scritture eseguite con le ortografie "personali". Poi ci sono tutti questi litigi e insulti che non risolvono niente e spesso finiscono con gli attacchi ad hominem. Che bello. Vi prego continuate così.Giberterra 07:24, 11 Maj 2010 (UTC)


Io non posso napoletanizzare alcunché, my dear, perché non sono napoletano e non parlo napoletano; anche se stranamente rientro nella mappa di cui sopra.
Se il "napoletano classico" è quello di Eduardo De Filippo e di altri autori, chi nel proprio dialetto dice [ˌjiddə ˈjaːjə] non trova ragioni per correggersi in «isso è»; perché questo non è uno standard linguistico accettato in tutta la zona sopradescritta, nella quale esiste sì una diglossia, ma fra dialetto e italiano, non fra dialetto e "napoletano classico".
Perciò forse bisognerebbe scegliere: o dire che questa Wikipedia è rivolta solo ai napoletani, tutt'al più ai campani (è quello che farei io), o modificarla radicalmente, eliminando l'impostazione napolicentrica; quanto alla creazione di un nuovo standard, mi sembra improbabile: mancano le motivazioni culturali (e, direi, politiche).
Le polemiche ci sono state, ma oggi non mi paiono neanche tanto più frequenti: questa Wikipedia è talmente tranquilla...

Non si può togliere l'impostazione napolicentrica. Perché la lingua è il napoletano (il campano non esiste, nel modo più assoluto), il salernitano è un suo dialetto che differisce, ma non di molto, idem per Caserta. Comunque, questa wikipedia è morta. Vi invito a leggere che merda di articolo è questo qui: "Raffaele Auriemma". Questo sito è preda di cazzeggiatori e a sua maestà l'admin NON GLIENE FOTTE UN CAZZO. Basta che uno fa numero. Ma PER DIO! è un anno che ho messo in cancellazione una cagata di pseudoarticolo in pseudocalabrese e sta ancora li. E allora lo smerdo. E allora vandalizzo questo ciarpame. Vediamo se si sveglia qualcuno ? Ah no? E allora visto che abbiamo un lombardo di lmo in visita, chiediamo consiglio a lui: la strizza di 3 anni fa quando lmo:wiki era un immondezzaio di 117.000 articoli (si si, 117.000!!!) che erano cagate in inglese e catalano o pagine senza testo fu grossa. Proposero di cancellarla. E poi lmo perse gran parte di quegli articoli inutili e ripartì quasi da zero. Oggi è una wp funzionale. Facciamo lo stesso con questa wiki. Ormai nap è morta, vediamo se la proposta di cancellarla definitivamente le fa venire la strizza e si riparte daccapo. E POI CAZZAROLA ! Ma si può sapere come si fa ad organizzarsi con gli admin che non sanno mezza parola di italiano o di napoletano?

Guardate, se io sapessi il Napoletano o cosa per esso, vi darei volentieri una mano. Devo dire, in merito all'esperienza della nostra wikipedia, che io mi sono iscritto quando il processo di "normalizzazione" era già in atto da qualche settimana, però ho visto le discussioni che c'erano state sul portale della comunità: i vecchi amministratori (che forse erano tutti la stessa persona, però non si è ancora ben scoperto) hanno fatto tranquillamente fatto finta di niente, salvo poi scomparire appena il vento è cambiato: certo, i loro epigoni si sono sempre presentati in modo regolare nel corso degli anni, ma la comunità era ormai ben formata e organizzata e abbiamo saputo respinger sempre più quelle che io chiamo "invasioni". Se ho ben capito, a dicembre 2007 sono stati eletti (forse un po' illegalmente, ma non è questo il punto) un gran numero di utenti in profondo dissenso con la vecchia gestione, e poi di lì è stato facile. Quindi, secondo il mio umilissimo parere, dovreste fare così:

  • Voi "dissidenti" iscrivetevi su questa wiki e fate eleggere un po' dei vostri come amministratori (non so come si fa ad ottenerne i poteri, ma su Wikimedia sicuramente c'è scritto).
  • Cominciate a cancellare articoli spazzatura/scrivere voi articoli un po' di qualità/gestire come meglio credete la questione dei dialetti.

Secondo me è molto importante la questione degli standard ortografici (che per lingue bistrattate come quelle regionali sono sempre un capitolo dolente) e della disposizione della pagina principale. Ma è molto più importante prendere, come dire, la situazione in mano e agire ognuno di prima persona per migliorare quello che si ritiene debba essere migliorato. Sennò si resta sempre soltanto a parlare e nap.wiki resta quel che è. Scusatemi se sono potuto sembrare invadente e buon lavoro. Ve saludi, Eldomm.

Sì, venite pure!E. abu Filumena 22:21, 17 Maj 2010 (UTC)

Ajuteme pe piacére..[cagna surgente]

Ji stienghe attrajié da standardizzà le cognugaziune de le vierbe enta gle dialette mê, gle pizzonése, e singhe fatte (chiù o méne difícile) tavuline de cognugaziune andialette mê. Ji la careca e pue ce ve manne la link de la file..

Jate a chiste pierte:

Juste pe vedé -> [5]

Vulésse tante però, se ve me putéte dà cupie fatte cómma chella mê (la linka sê stà mbónda ecche ^^ ) de le cugnugaziune de le vierbe entra le dialitte vuostre, accuscì pozze avvedé e fà la side-by-side comparison de le vierbe. Grazie tante e spere ca la mana de Ddije t'ajute! L'Orgoglio 06:21, 18 Maj 2010 (UTC)

Chiurimmo[cagna surgente]

V'o ddico singeramente: Si cuntinua stà pigliata p'o culo ngopp'a lengua napulitana; cu robba ca ve nventate vuje, cu stu sistema addò Musulline cumanna e tutte zitte, cu na strunzata comm'a verzione stabbele (alias, io scrivo na schifezza, tu arrivi e currieggi ma mmece 'e curregge fai l'articulo curretto 'e chillo fetente 'o lassi accumm'è) ca nunn'esiste ngopp'a nisciuna WP (n'invito p'e vandalisme), chiurimmo! Basta, è na pigliata p'o culo! Ma addò s'è bisto ca uno decide 'e piglià 'na wikipedia pe facce 'e pazzielle soje. Ma vuje ve crerite ca nuje napulitane fussemo tutte strunze o ggente bbona sulo 'a fà pazzjelle? O cagna sta pigliata p'o culo, o arapimmo na bella proposta 'e chiusura ngopp'a meta comme succerette p'a wikipedia lumbarda 3 anne fa: Liggitavello buono che succerette! 117.000 articule ca erano sulo foto e robba scritta ngrese 'o catalano, amministrature ca facevano 'e cazze loro e nu devano cunto a nisciuno, na lengua nventata. Se sarvarono, ma ind'a 3 sittimane perdettero 115.000 articule e partettero 'a zero. Mo, lmo.wiki è nu pruggietto fatto serio, cu 'a capa n'gapa, cu robba scritta. Ccà nun ce sta niente! Tinite Pezzulo e Pezzulo/stabbele ma manco miezzo articulo ngopp'a Leonardo da Vinci, 'o Sistema solare, Tokyo, Socrate, Pulecenella, Sicunna guerra munniale, Impero Romano etc etc etc... Rat'e dimissione, vuje nun site Musulline. 'A lengua napulitana nunn'è na pigliata p'o culo! --95.235.59.113 00:08, 25 Maj 2010 (UTC)

E dirò di più: manca anche l'articolo su Lisa Fusco. Davvero inescusabile! – 01:12, 25 Maj 2010 (UTC)

Dalla LMO[cagna surgente]

Visto che ci tirate in causa vi scrivo a nome della Lmo di cui sono amministratore e come prima cosa vi ringrazio per i complimenti. Non conosco la vostra wiki e quindi non volgio entrare nel merito della questione e della qualità degli articoli presenti. Vi volgio solo dare testimonianza delle vicende della lmo che conosco direttamente.

Come dite voi la Lmo aveva numerosi problemi e come dite voi si è azzerato tutto. Ora questo però non è stata la soluzione perchè gli azzeratori hanno commesso parecchie ingustizie e parecchi errori tanto che hanno cancellatto numerose pagine che non andavano cancellate come le pagine degli anni che sto faticosamente ricostruendo una a una.

inoltre gli azzeratori hanno instaurato un clima di terrore e sono stati eletti in modo veramente discutibile.

cosa ha fatto la fortuna della Lmo allora? che abbiamo saputo liberarci anche degli azzeratori che se ne sono andati uno ad uno, dopo aver cancellato tutto e non aver mai fatto una pagina che fosse una.

quano siamo riuasciti a liberarci anche di loro si è formato un bel gruppetto che lavora di comune accordo e cerca di aiutarsi, cerca di andare d'accordo con la convinzione che siamo tutti sulla stessa barca, che la Lmo è un sogno comune.

questa è la chiave del successo, azzerare può essere solo il punto di partenza poi serve che vi tiriate su le maniche e ricostruite tutto, che ci mettete impegno e passione, serve che siate qui a mezzanotte a scrivere sulla wiki nonostante domani debbiate essere in piedi alle 7, solo perchè ci credete, solo perchè il Lombardo nel mio caso, il Napoletano nel vostro è la vostra lingua, la vostra identità, la vostra passione.

Buona fortuna di cuore da un polentone.

--Aldedogn 22:02, 31 Maj 2010 (UTC)

Lista delle wp[cagna surgente]

Ciao, La wikipedia occitana è "Wikipèdia" e no "Oiquipèdia". Grazie per cambiare... --Jfblanc 11:55, 19 Giù 2010 (UTC)

Chiudiamo, è più dignitoso[cagna surgente]

Nel constatare l'atteggiamento degli amministratori di nap.wiki che definirei "salazarista", nel constatare il fatto che buona parte di essi non conosca realmente il napoletano (essendo tedeschi o statunitensi), nel constatare la propensione zero alla collaboratività di un progetto; noi fra utenti e lettori di Wikipedia, siamo in procinto di chiedere una procedura di controllo e di chiusura di questo progetto, che sta diventando deleterio e ridicolizzante per la lingua napoletana. Per la somma di stupidaggini, inesattezze grossolane e via dicendo, ci riteniamo profondamente insultati dal modo di considerare la nostra lingua e dal modo con cui questa gestione ne svilisce e riduce a pura macchietta storia e cultura:

  1. Linguaggio inventato: molti termini sono inventati di sana pianta, frutto di misconoscenza o di "sentito dire" della vulgata dagli anni '90 in poi. Con la crisi dei dialetti che spariscono e diventano -lingua italiana con inflessione partenopea-, ossia non sono napoletani ma scimmiottamenti. Avete presente la bambina della pubblicità che dice quella roba sui pomodorini? Se quella lì è napoletana, io sono Thomas Jefferson.
  1. Spam e toni non enciclopedici: Articoli su gente semisconosciuta, fenomeni napoletani di youtube e meteore varie con informazioni gonfiate, toni da colloquio e altre scemenze. Il linguaggio scade in molti casi nel Napoletano da IRC, ossia il modo di scrivere su IRC di utenti campani, privo di segni diacritici, apostrofi ed ogni minima regola sintattica.
  1. Formattazione: Di formattazione zoppicante soffrono molte wikipedie minori, ma molte si sono date da fare. L'albero delle categorie esisterà un giorno? Il template di cancellazione è tradotto anche in giapponese, ma in napoletano?
  1. Altri napoletani: Chiunque abbia sentito parlare un abitante di Pescara o di Catanzaro sa benissimo che questi idiomi c'entrano poco o nulla col napoletano. È perfettamente inutile aprire altre pagine principali parallele per dare il "contentino" agli abruzzesi o ai molisani che, per la maggiore, mi pare si ritengano offesi da questa assimilazione. Un conto è dire che a Formia, Cassino e parzialmente a sud di Isernia si parli napoletano, ben altro è parlare di Pescara, dove si parla un dialetto MEDIANO simile per gruppo a quello parlato fino ai confini con l'Emilia-Romagna. Vogliamo dire che a San Marino si parla napoletano? Ma per favore! Esiste una wikipedia in tarantino, perché non possono esisterne in calabrese, mediano o barese?
  1. Errori grossi come una casa: Inutile farne un elenco. Mi ricordo solo che qualche anno fa stava in bella mostra in pagina principale un articolo da vetrina (e sottolieno DA VETRINA!) sul Canada in cui si dava come sua bandiera l'insegna coloniale britannica (eccolo qua), quando poi anche mio cugino di 4 anni sa che la bandiera canadese è quella con la foglia d'acero. E una simile e colossale cantonata era in vetrina. Questo solo a dire quale sia il grado di attenzione di chi opera al progetto.
  1. Verzione stabbele: Questa è la più grossa assurdità mai sentita. La sua motivazione (scriviamo anche in napoletano classico) è ancora più assurda: allora sulla wikipedia italiana perché non si può scrivere in linguaggio da sms (xke, xò... italiano corrente) e poi in italiano classico? Un modo come un altro per rimpinguare la classifica dei 13.000 e rotti con sciocchezze, dato che la List of Wikipedias per qualcuno è come il Ranking della FIFA. Non solo c'è la scelta di scrivere una cosa in napoletano, calabrese, molisano, abruzzese, barese etc; adesso anche in napoletano buono e napoletano cattivo. Su Wikipedia gli errori si correggono, la pagine scritte male si cancellano, essendo test, sciocchezze o vandalismi.
  1. Monotematicità e gestione bot: Anche su wikipedie italiane più piccole, come la ligure (in primis) o la veneta, si trovano ogni tanto pagine sui più disparati argomenti, da lingue straniere a personaggi storici. Qui dei 13.000 articoli abbiamo tutti i comuni italiani generati col bot (in cui gli errori sono tali e tanti da mettersi a piangere se ci si volesse mettere a formattare), altra roba localistica e MAI, dico MAI, un qualche argomento a sorpresa sulle tante "voci che non possono mancare". Questo indica che il progetto non è vitale. È morto. È un'indice di valutazione di Wikimedia molto usato e non sbaglia praticamente mai. Abbiamo tutto su qualunque fenomeno di Canale 9 ma niente su Napoleone Bonaparte, Luisa Sanfelice, Lengua spagnuola, Cane o Quercia, per dirne solo alcuni.
  1. Pulcinellate: L'assioma secondo cui chi parla napoletano sia automaticamente simpatico, una macchietta o un cretino che fa ridere è un insulto. Questa è un'enciclopedia tra l'altro. Molti avventori non lo capiscono e l'amministrazione, invece di cancellare idiozie scritte con toni da colloquio al bar sport, dorme. Eduardo De Filippo, ritenuto uno dei massimi esponenti della cultura linguistica napoletana, sapeva coniugare questa lingua fatta dialetto con espressioni e locuzioni serie (non seriose) e culturalmente valide. Mi meraviglio che fin'ora nessuno si sia messo ad usare degli intercalari del tipo perepeè chiocchiò per divertire il lettore.

L'elenco si potrebbe allungare all'infinito. Sareste pregati di dare delle spiegazioni e possibilmente non in burocratese o inglese. La linuga napoletana non è il monopolio di 6 o 7 persone che si sono ritrovate i tastini qui sopra, di 6 o 7 milioni di persone nell'area geografica tra Campania (non tutta), Lazio (piccola zona che fu casertana) e Molise (idem). Se intendete continuare ad agevolare le macchiette, ad ostacolare la formattazione, a scoraggiare chi tenta di mettere mano seriamente qui sopra. Quindi, per favore, non lamentatevi e non uscitevene con "e tu che fai?" perché uno può tentare una, due, cento volte; ma ad un certo punto ci si stufa di fare e rifare la stessa cosa perché i vandali hanno campo libero. Se non siete in grado di gestire il progetto che esso torni in incubazione, è più dignitoso. I milanesi di lingua non sono poi così tanti rispetto ai napoletani ed hanno ricominciato quasi da zero, sarebbe ora di dare uno scossone anche qui.

GRUPPO LINGUISTICO PARTENOPEO

Ma perché non la fai, 'sta cazzo di proposta di chiusura, invece di continuare solo a minacciarla? È così facile: clicca qui!
Voglio proprio vedere cosa riuscirai a ottenere dai rituali «democratici» della Wikimedia Foundation...
Stai zitto tu, nullità! Cosa ottengo? Ma me ne frega della WMF. Almeno la finirete con le vostre burattinate di regime. Cosa ottengo? Te lo spiego in napoletano che rende benissimo: Luamm'i pazzielle 'a miezzo!
Citazione dalla pagina principale: "A femmena bona si è tentata e resta onesta… nun è stata bona tentata…" ... Adesso anche a queste cagate di proverbi misognini vi attaccate? Ma vi rendete conto di quanto siete ridicoli? Di quanto ridicolizziate i partenopei ridotti a macchiette e luoghi comuni beceri da programmi lombardi di Rai1? Strano che sulla Wikipedia in spagnolo io legga, per le pagine utente, usuario:xxx e non torero olè:xxx. Vergognatevi, questo è proprio un insulto! La prossima mossa quale sarà? Di ottenere l'autoconfirmed solo per gli utenti che inviano propria foto autenticata con gli spaghetti in tasca e la canottiera macchiata d'olio? Cosa voglio ottenere con sta cazzo di proposta? Che la finiate di insultare i napoletani dipinti come una massa totale ed ineluttabile di macchiette e buzzurri. Vediamo, caro coraggioso linkatore di proposte, se adesso ti è chiaro cosa vogliamo!
Vorrei solo dirti che io non sostengo assolutamente questa Wikipedia: anzi, ho già abbondantemente (e inutilmente) polemizzato contro il neoborbonismo linguistico, e mi fanno quindi sorridere i tuoi tentativi di contestazione.
Come vedi, qui non c'è nessuno ad ascoltarti e risponderti, ma proprio nessuno: «staje sulo tu e Pino Mauro»...
Ciccio, questo lo so. Ma la tua presenza significa che con Pino Mauro siamo in 3 allora. Correttezza impone che prima di tentare una procedura parli con qualcuno. Ma qui non si tratta di casi "pinomauristici". Questi quando vogliono ci sono e ci sentono benissimo. Bene! Tu c'hai provato, nisba. Sorridi pure, ma io mi sono rotto le palle. Che se la veda la WMF con i suoi metodi da Ge.Sta.Po. E guarda che lo so benissimo che da Jimbo Wales a scendere quelli sono i metodi. Muoia Sansone con tutti i Filistei! PS: l'articolo Pino Mauro è un perfetto esempio del perché questo sito debba chiudere: Formattazione meno di zero, super schifo: L'articolo apre con un titolo di paragrafo (primo errore) che spiega che significa fare un concerto con PM (secondo errore) e poi il testo parla di Pino Mauro e non di quel che introduce il titolo (terzo errore). Sempre più senza parole. Che leggano con attenzione i vari curiosi napoletani se a questi non frega nulla. Ah già, ma non capiscono neanche che diciamo: chi amministra qui è tedesco o statunitense. Mah, farò richiesta dell'adminship alla wikipedia in bengalese.

Fine dei giochi[cagna surgente]

Qualcuno si è accorto che il template:pruvincia 'e Imperia non è stato linkato perché qualche bot intelligente ha scritto pruvincia 'e Imola? A Imola ringraziano, ma la provincia non esiste. Inutile chiedere un'aggiustatina o qualsiasi cosa. Da come vedo qui ognuno va per i cazzi suoi. La media è di 5 edit al giorno e quasi tutti di incontrollati anonimi in cerca di spam. Peccato, davvero. Questa enciclopedia è morta.